I "nostri perché"

Amerigo

Perché i colori sono infiniti, perché i confini e le barriere sono invenzioni necessarie alle guerre, perché le differenze sono una ricchezza, perché la miseria è il loro pensiero, per tutto l'amore del mondo.

Giovanna

Ho soggiornato a Colonia Venezia nel 2012 per alcuni mesi, con mio marito e mio figlio.

E' un luogo di ricordi del cuore legati alla nostra famiglia. Soprattutto è lì che abbiamo capito come lavorano ogni giorno gli educatori, i cuochi, gli psicologi e tutto lo staff che con amore si dedica ai trecento bambini che varcano con i loro sorrisi il grande cancello, ogni giorno.

E' un luogo solare, pieno di persone che emanano positività. E grazie alla Colonia Venezia ho avuto modo di conoscere Giovannino e Anna Maria che sono amici insostituibili, colonne portanti di questo meraviglioso progetto. Grazie ancora alla Colonia Venezia si è creato a Milano e provincia un gruppo di amici, con i quali abbiamo messo in comune cuori e intelligenze affinché i bambini che lì sono seguiti con amore ogni giorno, possano continuare ad avere diritto alla vita, all'alimentazione, alla salute, all'educazione e allo svago.

Carla

Perché vedere la felicità negli occhi dei bambini quando, in modo molto educato, si recano alla Colonia per consumare, forse, l'unico pasto della giornata, è stata per me una gioia immensa.

Con il cuore e le mani aperte, vorrei contribuire alla continuità di questa felicità.

Sono solo una goccia nel mare, ma unitamente a tutti voi.... diventerà oceano.

Fabio

Comunanza, Solidarietà, Amicizia.

Comunanza, perché è nel DNA dalla nascita di ogni uomo;

Solidarietà perché essere partecipi della sofferenza altrui cercando di essere utile e sostegno a chi è in difficoltà, è necessario all'umanità;

Amicizia, perché se non ci fosse stata amicizia non ci sarebbe stata l’occasione di conoscere Colonia Venezia e poter vedere in prima persona l’attività di questo importante progetto.

Tutto questo per dire che ho trovato negli Amici della Colonia Venezia il luogo dove poter offrire una parte della mia energia.

In occasione del viaggio solidale, vedere l’accoglienza da parte di questi bambini, mostrarci quello che era il loro percorso e sviluppo, le capacità acquisite nelle arti imparate nella Colonia, con sorrisi stupendi e curiosità allo stesso tempo, è qualcosa di emozionante che non sarà facile dimenticare…ma non voglio dimenticare…e per questo motivo, desidero che il progetto originale di Frei Giorgio continui fino a che tutte le disuguaglianze abbiano termine.

Bob

Faccio mia una vecchia frase del Che: "Lasciami dire, a rischio di sembrare ridicolo, che il vero rivoluzionario è guidato da grandi sentimenti d'amore."

Giovanna

Respiro Colonia Venezia fin dalla sua nascita e, prima ancora, con la presenza costante di Padre Giorgio nella nostra famiglia.

Da giovane con una certa distanza... da adulta con uno sguardo diverso e con una consapevolezza sempre maggiore rispetto a ciò che i miei genitori stavano portando avanti.

Ed ora, più vicina ai miei per tanti motivi, non posso che condividere più intensamente con loro anche questo cammino.

Lorenzo

Perché è un atto d'amore, perché è un atto d'amore necessario.

Mercé

Perché i miei figli sono stati lì, arrivano da lì.

Perché i miei amici me ne hanno tanto parlato con emozione immensa.

Perché ho potuto realizzare un sogno: aiutare trovando le risorse per coprire il campo sportivo, tanto necessario in un posto dove il clima è a volte troppo caldo e altre troppo piovoso.

Perché un giorno ci voglio andare anch'io.

Perché posti così non dovrebbero esserci ma perché meno male che posti così ci sono.